...E dov'è il fulmine che doveva colpirmi?

Ok. Doveva succedere ed è successo. È come la prima sbucciatura quando devi imparare ad andare in bicicletta o la prima volta che scopri che qualcuno che ami ti ha tradito.
Doloroso ma inevitabile.
L'inevitabile in questione è la prima recensione negativa (di un lettore) per il mio libro. Non è giusto e non è carino entrare nel merito, ma ora campeggia solitaria sulla mia pagina di Amazon.
Non dico che non mi abbia turbata, ma nei miei incubi peggiori credevo di non poter sopravvivere a un tale evento e invece sono qua, viva e vegeta.
Lo ammetto. Sono un essere umano, debole e perfettibile, così mi dispiace che non ci sia accanto, a bilanciare il conto, almeno una delle cose carine che alcuni lettori mi hanno detto o scritto. Ma doveva accadere ed è accaduto.
Ho persino trovato il coraggio di dirlo ad alta voce e citando a memoria (quindi forse non precisamente) una battuta del film "Segreti e bugie": «Ecco fatto. L'ho detto. E dov'è il fulmine che doveva colpirmi?!?»

           Giulia Beyman

Nessun commento:

Posta un commento